Blog Anything Magazine e Teriel Donovan

  • Blog: Link
  • Nome: Anything Magazine
  • Nome creatore blog: Qui scrivo sotto lo pseudonimo di: fairytailseeker
  • Presentazione blog: sentivo il bisogno di scrivere ma in modo diverso. Volevo dare la mia opinione su quello che accadeva nel mondo ed al tempo stesso di mostrare che vi è oltre quello che sembra o si conosce. Ad un certo punto ho iniziato a mettere articoli più leggeri e divertenti nati allo scopo di attirare l’attenzione ma ho scelto infine di rinunciarvi. Preferisco scrivere pochi articoli ma che mi stanno a cuore che postare ogni giorno inutilmente. Voglio scrivere qualcosa che abbia un senso e che per me sia importante.
  • Ti occupi da solo/a del blog? Sì.
  • Estratto: Link Articolo

Ieri ho visto la pubblicità di un nuovo fumetto satirico: NaziVegan Heidi.

La satira fa parte della nostra vita e con l’autore in sé non ho nulla contro. Non so nemmeno chi sia, detto brutalmente. E non ne voglio parlare perché non avendo letto il suo racconto non posso darne un giudizio obbiettivo. Posso solo augurarmi che sia stato prodotto con l’intensione di strappare un sorriso in primis ai vegani stessi.

Troppo spesso leggo battute e discussioni feroci fra vegani, cosiddetti carnivori e onnivori. Non abbiamo bisogno di ulteriori incitamenti all’odio. Non è di questo su cui voglia realmente discutere.

Non riuscivo a capire. Quell’immagine provocatoria continuava a disturbarmi, finché tutto ad un tratto è diventato tutto chiaro: era ciò che rappresentava a infastidirmi.

Perché il Nazismo si sta normalizzando quando un tempo non sarebbe stato tollerato in nessuna forma. Vedo persone che vanno in giro sfoderando bandiere della propria nazione con la svastica disegnata sopra come se fosse normale.

Persone che fanno selfie in posizioni idiote che in altre circostanze avrebbero strappato un sorriso ma in questo caso risultavano offensive perché in campi di concentramento. Ora vuoti, silenziosi ma un tempo sono stati il regno della morte. Luoghi spaventosi che rimarranno per sempre il simbolo dell’oscurità che alberga nel cuore dell’uomo.

Qualcuno se lo ricorda ancora che migliaia di persone vi son morte? E non solo ebrei. Ma anche Testimoni di Geova, zingari, gay, opponenti politici.

Mi ritrovo a leggere schifata idioti che postano le foto di tal posti, scrivendo allegramente quanto sarebbe bello vederli accesi. Ma stiamo scherzando?

Ho amato Spartacus e il Gladiatore come molti altri. Ma ripensando a quelle arene nate per quietare la gente, mi domando fra noi e loro qual è la differenza?

Forse è questo che serve. Un’arena dove vedere le persone combattere e morire fra feci e sangue. Non siamo migliori di loro che si esaltavano a quella vista.

Non abbiamo imparato nulla dal nostro passato. Gli esseri umani sono destinati a ripetere i proprio errori finché un giorno la loro follia li condurrà dritto alla rovina.

_________________________

  • BlogLink
  • Nome: Teriel Donovan
  • Nome creatore blog: Teriel Donovan
  • Presentazione blog: da diversi anni pubblico su EFP e nell’ultimo anno ho postato su Wattpad. Ho pensato che avere un blog personale mi avrebbe aiutato.
  • Ti occupi da solo/a del blog? Sì.
  • Estratto dalla Premessa di Anteros: Link Articolo

In origine doveva essere una storia autoconclusiva e il tema base era molto semplice ma… come dire, mi son fatta prendere la mano? XD Pur mettendovi il mio tocco personale, non me ne vogliate, ho studiato l’argomento e rinfrescato la memoria dove ne avevo bisogno.

Volevo inserire elementi reali lì dov’era possibile farlo, così da dare una piccola idea di come fosse, anche sperando che vi spinga a volerne sapere di più. Anche i nomi non sono stati scelti a caso ma sono parte della mitologia.

Inizialmente, il protagonista doveva essere Eros ma lui ha già una sua storia ed ero molto riluttante, mentre Anteros è completamente avvolto da un alone di ambiguità che ho trovato molto intrigante.

 

© Tutti i diritti riservati a fairytailseeker e Teriel Donovan

Precedente Il torto: booktrailer Successivo Come corde di chitarra: intervista all'autrice

Un commento su “Blog Anything Magazine e Teriel Donovan

I commenti sono chiusi.