Serena Brucculeri: intervista alla scrittrice

Intervista alla scrittrice Serena Brucculeri

 

Amore libro intervista vendita casa editrice scrittura scrittrice

  • Parlaci di te, autore:  «Mi chiamo Serena Brucculeri, ho 43 anni e vengo da Mantova. Ho cominciato a scrivere di recente. Il mio primo romanzo l’ho scritto tra dicembre del 2016 e febbraio del 2017, precisamente l’ho cominciato nel periodo natalizio. Sono un’insegnate di scuola elementare e diciamo che durante la pausa vacanziera delle feste mi sono sentita particolarmente ispirata. Sono sposata e ho due figli maschi. Ah, ho anche un gatto persiano rosso, maschio pure lui.»
  • Qual è il titolo del tuo libro? «Il mio libro si intitola “Alla ricerca di te. Oltre il sentiero del cuore.”»
  • A quale genere appartiene? «Il libro appartiene al genere rosa.»
  • Come è stato pubblicato? «Il libro è stato pubblicato dalla casa editrice FD Book- Auto da fé, una casa editrice di Bologna che ho trovato navigando su internet alla ricerca di qualcuno che fosse interessato alla pubblicazione del libro. Devo dire che è stata una bellissima esperienza perchè ho avuto modo di venire a contatto con persone professionali e competenti che credono nel loro lavoro e in quello che fanno, una passione che va al di là di un semplice discorso economico. Sono stata seguita passo passo con consigli preziosi che mi hanno permesso di crescere e migliorarmi e si è venuto ad instaurare un rapporto umano che porterò sempre con me. Consiglio tale casa editrice a chiunque si trovi nella mia situazione, ossia individuare qualcuno disposto a mettersi in gioco per pubblicare il proprio manoscritto.»
  • Link: «Questo è il link per raggiungere il mio romanzo.»
  • Parlaci della trama del tuo libro: «Sarah ha venticinque anni e decide di lasciare tutto e trasferirsi lontano dal lago Michigan che l’ha vista crescere, per rifarsi una vita lontano. Troppi ricordi in quei luoghi che la tengono ancorata al passato: la storia finita male con il suo ex, la perdita del bimbo, la morte dei genitori prima e della nonna poi fungono da molla per ricominciare. Intraprende un viaggio che la porta in Nebraska, dove trova lavoro presso un pub. Qui con la sua semplicità e simpatia conquista i clienti e i gestori del locale Sally e il figlio Peter. Sarah si adatta alla nuova vita con tenacia e determinazione. Peter, all’inizio distaccato e sulle sue, imparerà a conoscerla e ad avvicinarsi sempre più alla ragazza, fino a scoprire che ciò che lo lega a lei va al di là del semplice affetto; rischierà però di perdere tutto se non troverà il coraggio di guardare dentro se stesso per scoprire qual è la strada che lo riporta da lei. Una storia d’amore e di speranza tra boschi incantati e laghi ghiacciati, un lungo viaggio alla conquista dell’amore, oltre il sentiero del cuore.»
  • Siamo curiosi, come ti è venuta in mente l‘idea sulla trama e sui personaggi? «Essendo una lettrice compulsiva di romanzi rosa mi è capitato di leggerne tantissimi. In particolare ho adorato quelli di Susan Elizabeth Phillips che ha scritto romanzi tutti ambientati negli Stati Uniti. Paesi quindi che sebbene io non abbia mai visitato hanno sempre esercitato su di me un certo fascino. Ho cominciato ad immaginare storie nella mia testa, la prima delle quali contenuta in questo romanzo di cui vi sto parlando, ambientata in Nebraska. Mi piaceva l’idea di ambientare una storia d’amore in un posto un po’ fuori dal mondo e dal solito clamore, dove la vita può essere abbastanza dura sia per le condizioni climatiche che per le attività e il tenore di vita. Il Nebraska è un territorio esteso con temperature e inverni rigidi. Molte sono le attività in proprio ( il protagonista gestisce un locale-ristorante) ma ci sono anche molti allevamenti e quindi lavori manuali, legati alla terra. Facendo ricerche per la stesura del romanzo ho potuto conoscere diversi aspetti affascinanti di questo stato, primo fra tutti il fatto che sia tra i primi posti in quanto qualità della vita ed istruzione. Inoltre è pieno di paesaggi incantati, boschi e laghi ( in cui i due protagonisti si avventureranno). Le montagne rocciose fanno da sfondo.»
  • Perché le persone dovrebbero decidere di leggere la tua opera? «Sicuramente se amate le storie d’amore in cui prevalgono la forza d’animo di lasciare tutto e ricominciare da capo per rifarsi una vita e l’incontro di due persone che piano piano si scoprono fino ad amarsi allora questo è sicuramente il libro che dovete leggere. Ma l’amore però non è mai scontato. Peter purtroppo si rende conto tardi di amare Sarah proprio quando è sul punto di perderla. L’attrazione che lo legava a lei non era fine a se stessa ma preludio di un forte sentimento. Così partirà alla sua ricerca e cavoli, quando la trova… Inoltre sullo sfondo assisterete alla nascita di un amore più maturo, infatti oltre alla storia principale dei due ragazzi protagonisti ci sarà anche quella tra Sally, la madre di Peter e Jeffrey, altrettanto bella ed emozionante.»

© Tutti i diritti riservati a Serena Brucculeri

L’intervista a Serena vi ha incuriosito? Correte a leggere il suo libro!

Precedente Amanda: personaggio tratto da "Una sottile vendetta" Successivo Alessandro Petrelli: intervista allo scrittore