Alessandro Petrelli: intervista allo scrittore

Intervista allo scrittore Alessandro Petrelli, autore di Trauma

petrelli alessandro lettere animate intervista giardini incompleti

  • Parlaci di te, autore: «Salve. Mi chiamo Alessandro e ho 27 anni. Vivo a Lizzanello, un paesino in provincia di Lecce, a pochi passi dalle splendide coste del Salento. Ho frequentato l’Istituto d’Arte e mi sono diplomato nel 2009, poi ho lavorato per 4 anni, dopodiché ho deciso di iscrivermi all’università e precisamente alla facoltà di fisioterapia. Se Dio vuole, a fine anno dovrei laurearmi. La passione per la scrittura per e la lettura non ha accompagnato tutta la mia vita. Sono stato un tipo abbastanza pigro fino a circa 5 o 6 anni fa. La mia più vecchia passione è quella per i film del genere thriller ed horror, che risale praticamente alla mia infanzia. Poi ho cominciato a leggere libri dello stesso genere circa 7 o 8 anni fa. Prima di questi, leggevo solo libri e riviste scientifiche o artistiche. Mi è sempre piaciuto inventare storie di questo genere ma non ho mai avuto la pazienza di elaborarle, perfezionarle, e soprattutto di scriverle. Per fortuna, con il passare degli anni la pigrizia se n’è andata, e così ho provato a scrivere il mio primo libro, “Oltre la finestra”, un thriller ambientato nel Salento. Per scriverlo ci ho messo diversi mesi, poi è stato pubblicato il 15 febbraio 2016 da Lettere Animate editore. Credo che quel giorno sia stato uno dei più belli della mia vita. Da gennaio fino a ottobre 2016 ho scritto il mio secondo libro,  pubblicato a inizio luglio 2017.»
  • Qual è il titolo del tuo libro? «Il mio nuovo romanzo si intitola “Trauma”.»
  • A quale genere appartiene? «È un thriller psicologico.»
  • Come è stato pubblicato? «È stato pubblicato anche questo da Lettere Animate editore. Non è semplice al giorno d’oggi trovare una casa editrice che ti pubblichi un libro senza chiedere un contributo economico in cambio. Lettere Animate ha investito sia sul primo che sul secondo libro. Evidentemente si fidano di me e non può che farmi un grande piacere.»
  • Link: «Il prezzo dell’ebook è di 2,99 euro. Il cartaceo 13,00 euro. È disponibile su tutti gli store online e in qualche libreria di Lecce e dei paesini circostanti. Su Amazon lo potrete trovare a questo indirizzo.»
  • Parlaci della trama del tuo libro: «Il libro è ambientato a Lecce, e narra la storia di un ragazzo di nome Vincenzo che resta vittima di un brutto scherzo da parte di due suoi coetanei. Lo scherzo si risolve con un brutto incidente stradale nel quale Vincenzo perde la memoria dei 30 giorni precedenti. Il trauma subìto porterà Vincenzo ad avere delle terribili allucinazioni. Due nuovi vicini di casa lo tormenteranno e un ragazzo sconosciuto gli dirà di aver fatto amicizia con lui prima dell’incidente e gli svelerà i fatti riguardanti il brutto scherzo organizzato dai suoi coetanei. La storia alternerà dei capitoli ambientati nel presente, nei quali Vincenzo lotterà con le terribili conseguenze del trauma e cercherà di capire cosa gli è successo prima dell’incidente, e dei capitoli ambientati nel passato, nei quali si ricostruirà la reale dinamica dei fatti fino a ricongiungersi al presente e a svelare tutti i retroscena con un finale sconvolgente.»
  • Siamo curiosi, come ti è venuta in mente l‘idea sulla trama e sui personaggi? «Credo di avere una buona fantasia, quasi ogni giorno mi vengono in mente nuove storie da raccontare. Io le definisco “Giardini incompleti”. Ogni storia che mi viene in mente è un giardino incompleto che attende di completarsi per trasformarsi in libro. Ma non sempre ciò accade. I giardini incompleti restano tali per tanto tempo, e le nuove scene e i nuovi particolari che mi vengono in mente durante la quotidianità rappresentano i semini per completare uno dei giardini che ho in mente. Quando mi rendo conto che uno di essi sta per completarsi allora mi dedico a lui, lo annaffio, lo curo, e lo caccio fuori dalla mia mente per trasformarlo in una storia.»
  • Perché le persone dovrebbero decidere di leggere la tua opera? «Dovrebbe leggere la mia opera chiunque si ritenga amante del genere thriller psicologico, amante dei colpi di scena, amante dei libri che ti tengono incollato alle pagine in preda alla curiosità totale. Chiunque ami i romanzi caratterizzati da personaggi studiati meticolosamente nei particolari, chiunque abbia voglia di affezionarsi a una storia e sentirla “sua”. Beh, se amate queste caratteristiche, son sicuro che non ve ne pentirete di averlo letto. P.S. sono molto crudele e spietato nei miei libri, non vi aspettate storie d’amore o lieto fine.»

© Tutti i diritti riservati allo scrittore Alessandro Petrelli

L’intervista ad Alessandro vi ha incuriosito? Correte a leggere il suo libro!

Precedente Serena Brucculeri: intervista alla scrittrice Successivo Roberta FI Visone e le sue poesie