Intervista alla poetessa Maria Tosti

silloge voci ai confini dell'anima booktrailer Tosti maria

  • Parlaci di te, poeta: Mi chiamo Maria Tosti e sono umbra. Scrivo poesie sin da ragazzina, quindi da molto tempo, considerando che ormai ho superato, ahimè, il mezzo secolo. Ho sempre amato la scrittura in tutte le sue sfumature. I miei diari non erano altro che piccoli quaderni di poesie. Amavo anche tenere corrispondenza, per questo ancora oggi le lettere hanno per me una valenza speciale, quelle scritte a mano intendo. Purtroppo, con l’avvento del computer e di internet, queste passioni sono andate via via modificandosi, direi piuttosto che si siano adeguate alle novità, senza però dimenticare le vere origini. Mi sono cimentata negli anni in vari tipi di scrittura, ho iniziato con versi liberi spaziando tra acrostici, calligrammi e haiku per poi andare alla ricerca di altre espressioni artistiche quali ad esempio testi di canzoni. Amo scrivere anche in altre lingue: Inglese, Francese e Spagnolo. Mi piace dedicarmi anche alla “poesia visiva” che rappresenta per me il giusto connubio di due mie passioni: la Fotografia e la Poesia.
  • Come hai iniziato a scrivere poesie? Ho iniziato per caso tra i banchi di scuola, quasi senza accorgermene, poi la cosa è andata avanti negli anni. Ho sempre scritto per me stessa e occasionalmente per pochi intimi. Amo questo mondo parallelo dove poter dare spazio alle emozioni, viverlo da un altro punto di vista, quello delle parole. Ho partecipato negli anni a diversi concorsi letterari e sono presente in alcune antologie, fra queste debbo citarne due in particolare, quelle del Premio Fonopoli, ideato dal cantante Renato Zero insieme alla casa editrice Montedit. Nonostante gli apprezzamenti ricevuti nei tanti concorsi letterari, non potevo immaginare che un giorno le mie poesie potessero suscitare l’interesse di un vero editore.
  • Parlaci delle tue liriche: Oltre a scrivere in primis in Italiano, come ho detto prima, amo scrivere anche in altre lingue. Il tema è unico ed allo stesso tempo vario perché ha in sé le tante sfumature della Vita. La silloge pubblicata nel 2014 da Thoth Edizioni dal titolo “Voci ai confini dell’anima” sia in formato cartaceo che in eBook è la mia prima pubblicazione e contiene sia componimenti in italiano che in lingua straniera.
  • Dove e come hai pubblicato le tue poesie? Ho avuto la fortuna d’incontrare un editore serio, Thoth Edizioni, che ha creduto nella mia opera e che ha deciso di investire in me pubblicando gratuitamente le mie poesie. In passato ho ricevuto proposte editoriali da diverse case editrici, ma erano tutte a pagamento o con contributo spese, pertanto non le ho mai prese in considerazione.
  • Link per reperire i tuoi scritti sulle piattaforme online: Il libro è disponibile nel formato cartaceo direttamente nel sito dell’editore anche in eBook in tutti gli stores online, primo fra tutti Amazon
  • Estratto di una tua poesia: Come estratto, ho scelto la poesia ispirata alla foto di copertina.

      IL PERDONO DEL CIELO

        Sole fugace
        tra nuvole plumbee
        s’intenerisce
        tra i rami spogli
        concede la grazia
        in questo gelido giorno
        sta lì ad osservare
        la nostra pochezza.
        E’ come l’occhio
        di un Dio temibile
        che scruta serioso
        le sue creature
        prende per mano
        i loro dolori
        e dimentica
        le loro mancanze.
        I rami intrecciati
        sono le strade dell’anima
        arterie pulsanti
        dei desideri della vita
        ora spogli di quella ricchezza
        che lenisce ogni agonia.
        Ma oggi il Cielo
        si è chinato su loro
        ha alitato un vento leggero
        portando via le loro paure
        e concedendo il Suo perdono.

        © Maria Tosti 
        tratta dal libro “Voci ai confini dell’anima”
        THOTH Edizioni 2014

  • Perché le persone dovrebbero decidere di leggere i tuoi versi? Leggere è sempre un viaggio attraverso emozioni e sensazioni, è vivere in altri mondi ed altre dimensioni, oltrepassare i propri confini, percorrere nuovi sentieri. Le mie poesie sono semplicemente un invito ad intraprendere un viaggio insieme a me, alla scoperta del mio mondo, come recitano anche i versi che accompagnano il mio booktrailer.  

    AI CONFINI DELL’ANIMA

    Vieni, 
    ti porto con me
    in questo breve viaggio verso i confini dell’anima.
    Ti aspetto al crocevia dell’infinito
    insieme a una vecchia valigia di ricordi,
    di lettere e foto consunte dal tempo.
  
    Ti porto a conoscere le tele
    che ho dipinto con le mie sole parole, 
    usando per colori le emozioni, 
    rubando qua e là scorci di vita.
  
    Ti lascerò guardare il mondo coi miei occhi,
    assaporare giorni di sole e di tempesta,
    vedrai tramonti colorare il cielo
    ed orizzonti estendersi fin dove può lo sguardo 
    e giorni di pioggia lavar via ogni amarezza,
    oltrepassando ponti di inquietudini. 
  
    Ti condurrò per sentieri campestri,  
    ad acque tranquille e dolci colline,
    all’amena ricerca dei regni
    dove emozioni e sentimenti prendono vita
    e scandiscono il tempo che passa.

    L’anima è la nostra vera dimora,
    radicata in ogni nostro respiro.
    Trovare la sua vera essenza è scoprire il suo universo. 
  
    Ti lascio un po’ di me in questo viaggio,  
    in queste pagine scritte con l’inchiostro dei sogni, 
    ABBINE CURA…

                                       
       © Tutti i diritti riservati a Maria Tosti 

Precedente Sfida: booktrailer Successivo Le regole di Hibiki: booktrailer del libro di Cristiano Pedrini