Digitus impudicus, ovvero l’arte di mostrare il dito medio

Mostrare il dito medio per offendere: perché?

mara maionchi dito medio storia

Il dito medio, dal latino “digitus impudicus” ovvero dito impudente, veniva definito in tal modo poiché tramite esso si esprime ammonimento nei confronti di un’azione vergognosa e, cioè, impudica.

È un gesto che ormai tutti conosciamo, ognuno di noi lo ha utilizzato almeno una volta nella propria vita per “rispondere” alle istigazioni di qualcuno. Ma vi siete mai chiesti da dove è nato questo gesto? Il perché lo si utilizza in determinate situazioni?

La storia

Questo gesto ha origini molto antiche, più di 2000 anni fa. È considerato volgare perché associato all’immagine che evoca la figura della mano quando posta in questo modo: il gesto sta ad indicare un fallo. Il dito medio, alzato, rappresenta il pene; le dita circostanti, piegate su se stesse, assomigliano invece ai testicoli. Quando mostri il dito medio, dunque, mostri un fallo o più semplicemente, è come se stessi mimando una penetrazione, con molta probabilità anale.

Ve lo aspettavate? A volte non sembra, ma anche sugli argomenti più banali si celano insegnamenti.

 

Vi ricordiamo che potete seguirci su: Curiosando – Kaylie Scrittrici – Instagram – Twitter

Precedente Gatto: i suoi comportamenti e come interpretarli Successivo Nella notte fugge il giorno: intervista all'autore Umberto Soldatelli

Lascia un commento

*