Intervista a Roberta Andres, autrice di Flora la pazza

IntervistaFlora la pazza amazon Facebook libro

  • Parlaci di te, autore: Ho 52 anni, sono madre di due figli, insegnante nella scuola media e in corsi di scrittura per adulti. Sono nata da genitori napoletani in Sicilia, questa origine meridionale ha formato parte della mia identità, anche se la vita poi mi ha portato più a Nord. Scrivo praticamente da sempre, perché in questo modo riesco a esprimermi meglio, in maniera più fluida, efficace, chiara. Le prime cose che ho scritto risalgono a quando avevo otto anni, mia madre le conservò e ci divertiva molto rileggerle: era un testo teatrale in cui la maggior parte del testo era costituito dai saluti dei personaggi che entravano e uscivano di scena.
    Ho continuato sempre, scrivere per me è una condizione normale: quando non scrivo vuol dire che non sto bene! Quando parlo (sebbene sia abituata per il lavoro che faccio) tendo a divagare, a mantenere il filo con fatica, a perdermi nei particolari. Se scrivo i pensieri escono fluidi, conseguenti, chiari. Essenziali. Oltre che leggere (tantissimo) e scrivere, mi piace molto cucinare. I gatti, il mare, l’autunno. Stare a casa in compagnia dei miei figli e del mio compagno.
  • Qual è il titolo del tuo libro? Flora la pazza
  • A quale genere appartiene? La definirei narrativa, con qualche apertura allo storico: alcune parti infatti sono dei lunghi flashback a Napoli durante le Quattro giornate, nella Seconda Guerra mondiale
  • Come è stato pubblicato? È stato pubblicato con Amarganta ed è stata una bellissima esperienza professionale! L’editrice si è innamorata subito della storia ed ha aspettato che io, che prendevo tempo per motivi personali, mi decidessi a firmare il contratto superando le mie paure e perplessità di far andare in giro per il mondo Flora e la sua storia. Ho impiegato alcuni mesi per decidermi. Il lavoro di editing è stato faticoso, a volte esasperante, ma prezioso, utilissimo a farmi crescere come scrittrice. Quando ho cominciato a scrivere il romanzo successivo (attualmente in revisione) mi sono accorta di tante cose che prima mi sfuggivano nella mia scrittura, ingenuità e mancanza di prospettiva esterna che ho affinato invece lavorando sull’ editing di Flora con Amarganta.
    Link per reperire il tuo scritto su eventuali piattaforme online (se ti va, scrivici anche le informazioni sul prezzo ecc)
    Il formato cartaceo costa 12,48; l’ebook 2,99.
  • LINK ACQUISTO: amazon 
  • Parlaci della trama del tuo libro: Flora vive a Napoli, ha quarant’anni e da sempre ha problemi psicologici dovuti ad una madre manipolatrice e un padre assente. In una Napoli degli anni Duemila che mostra ancora tracce della Seconda Guerra mondiale, intreccia una relazione asimmetrica con Nino, che nel suo lavoro di chef e nell’usare la donna secondo il suo piacere trova un riscatto ai problemi di balbuzie e e di scarsa autostima. La storia con lui porta Flora all’acuirsi dei suoi disturbi: tormentata sempre più spesso da una Voce che la spinge a comportamenti autolesionisti e aggressivi, ferisce Nino e viene ricoverata in un ospedale psichiatrico. Qui Flora troverà la via per la guarigione, liberandosi dalla Voce, dai condizionamenti materni e dall’amore malato per Nino, in un percorso accidentato e faticoso ma vincente, che scioglierà i nodi del passato: l’adolescenza di Flora negli anni Settanta, quando l’abbandono del padre la lascia “ostaggio” della madre; i traumi della guerra che hanno segnato la madre per sempre e l’hanno resa egoista e instabile.
  •  Siamo curiosi, come ti è venuta in mente l‘idea sulla trama e sui personaggi? Il primo nucleo della storia risale a parecchi anni fa ed è stato una specie di flash in cui ho “visto” questa donna camminare per le vie di Napoli per andare dal suo uomo (praticamente, quello che succede nell’incipit). Poi per mesi e mesi ho rimuginato su di lei chiedendomi dove stesse andando e da dove venisse. Sono andata avanti e a ritroso nella sua vita, chiedendomi perché stesse così male. La risposta era nel rapporto con la madre, e la madre aveva vissuto in un periodo storico difficilissimo, traumatizzante, di cui sapevo delle cose perché mi erano state raccontate da mia madre. In realtà il libro non è autobiografico, ma ci sono riferimenti a fatti realmente avvenuti a Napoli durante la Guerra e ho immaginato come avesse potuto vivere quei fatti una ragazza di sedici anni , l’età che la madre di Flora (e mia madre nella realtà) aveva durante le Quattro giornate del 1943.
  • Perché le persone dovrebbero decidere di leggere la tua opera? Perché è la storia di una donna completamente persa che poi si ritrova, e questo è un messaggio che può essere utile a chiunque.
    Perché parla di fatti storici che ai più sono sconosciuti perché riguardano la storia locale di una città.
    Perché è una bellissima storia: sarà vanitoso, ma lo sento profondamente!

© Tutti i diritti riservati a Roberta Andres

Precedente Non avere paura di amare: booktrailer Successivo La famiglia dell'uomo con la rosa in mano: booktrailer