Dreamy Night; Tales of Gods

Intervista alla scrittrice Eleonora Bottari, autrice di Dreamy Night; Tales of Gods. In uscita prossimamente.

Dreamy Night; Tales of Gods

  • Parlaci di te, autore: Chi sono? In realtà, non sono brava con le presentazioni. Mi chiamo Eleonora, ho 23 anni e sono di Roma. Scrivo da prima ancora di imparare a farlo, e ho sempre adorato inventare storie. Sono stata l’unica idiota che all’esame di maturità preferì il tema al saggio breve, ed ho sempre preferito i temi a qualsiasi altra cosa. Il mio genere preferito è il fantasy, mi piacciono le storie d’azione con un pizzico di magia e apprezzo molto anche sottogeneri come distopici e sci-fi. Ho essenzialmente un debito per le frasi ed i discorsi ad effetto, ed in questo genere abbondano, quindi mi appassiono facile. Le mie storie tendono sempre al bizzarro-fiction, nel senso che lascio completamente a briglia sciolta la mia fantasia – ritrovandomi inevitabilmente a riscrivere duemila volte, ma sono i rischi del mestiere quando si fugge dalle scalette come dalla morte. Penso sentitamente che far parlare i miei personaggi sia molto più importante e molto più interessante che far parlare me stessa, quindi cerco sempre di lasciarli a liberi di fare quello che vogliono, anche a costo di rivisitare la trama più di una volta. Infatti temo che il libro non sarà mai pronto, ma sono rischi che sono disposta a correre.
  • Quale sarà il titolo del tuo libro? Dreamy Night; Tales of Gods. Il primo volume di una saga il cui numero di volumi sembra aumentare ogni volta che metto mano alla tastiera.
  • A quale genere appartiene? Si tratta di un fantasy, con tendenza al distopico e un pizzico di bizzarro-fiction. Parla di divinità e semidivinità quindi dovrei dire epico, ma non ha nulla di nulla della mitologia, tranne i nomi presi a mo’ di tributo.
  • Come verrà pubblicato? Proverò a spedirlo a delle case editrici gratuite, senza fare distinzioni. La mia idea è attendere sei mesi, poi pubblicare self utilizzando Create Space – quindi Amazon e via discorrendo – come piattaforme basi.
  • Data di uscita? Mai più, se continuo con le modifiche. No, scherzo. L’anno prossimo, preferirei ad inizio anno ma si vedrà.
  • Se puoi, parlaci della trama del tuo libro: L’universo, per proseguire nella sua esistenza, ha bisogno di essere mantenuto in equilibrio. Virgo, il creatore di ogni cosa, conosce fin troppo bene questa regola; ma nell’ossessione di rispettarla assisterà al decadimento di ogni realtà che sia mai stata realizzata. Nessun prezzo è troppo alto da pagare per proteggere la sua creazione, ma l’universo non è d’accordo; e si prepara a sfaldarsi. E, forse, a non riunirsi mai più.
  • Come sono nate le idee sulla trama e sui personaggi? Non saprei spiegarlo. I personaggi sono nati uno alla volta, come fossero sempre stati lì solo per raccontarmi la loro storia. Il problema è che io non sono brava con appunti e scalette, quindi mi ritrovo sempre a modificare e aggiungere e togliere e inserire dettagli nuovi all’abbozzo di trama generale.
  • Perché ritieni la tua opera forte e degna di essere letta? Ritengo di aver costruito personaggi interessanti, umani nonostante siano divinità, con un uso scriteriato di poteri e abilità sullo sfondo di un mondo bizzarro che segue però regole precise, nonostante non sembri. Inoltre vedere le divinità creature invece che creatori potrebbe essere una novità stimolante.
  • Sulla copertina: La copertina è stata realizzata da una mia amica, che me ne fece due diverse. Questa è la mia preferita perché ha come immagine due unicorni su sfondo bianco, e l’unicorno è proprio l’animale ‘creatore’ della mia saga.
  • Se ti fa piacere, inserisci link o eventuali contatti che i lettori potranno utilizzare per rimanere aggiornati sull’uscita del tuo libro: Non ho pagine o posti specifici in cui tenere informati i lettori, ho pensato varie volte di crearla ma ho paura che non saprei gestirla purtroppo. Per qualsiasi informazione, comunque, il mio profilo Facebook è aperto per chiunque voglia informazioni.

© Tutti i diritti riservati

Precedente Vincitori della sfida: i dialoghi più emozionanti presenti nei vostri libri Successivo Sfida: i titoli dei vostri libri e le motivazioni che vi hanno spinto a sceglierli